Missaglia: «La musica permette di riaprire la via del linguaggio perso» VIDEO

Quali sono i poteri della musicoterapia? Una domanda focale per il progetto Young Inclusion, che vuole valorizzare anche questo straordinario utilizzo della musica per favorire l’inclusione giovanile

Schermata 2019-09-25 alle 08.03.53
Supporto

Quali sono i poteri della musicoterapia? Una domanda focale per il progetto Young Inclusion, che vuole valorizzare anche questo straordinario utilizzo della musica per favorire l’inclusione giovanile. Tutto ciò avverrà presso il centro di musicoterapia attivo alla cooperativa Sim-Patia di Valmorea (Como).

«La musica ha una forte potenzialità medica e clinica, che permette di riaprire la via del linguaggio perso, magari a causa di situazioni di sofferenza, aneurismi giovanili o incidenti», spiega in questo video Irma Missaglia, direttore di Sim-Patia: «Per molte persone che hanno perso la parola, riprendere a comunicare è il primo step per tornare a far parte della società, condividendo il tempo libero e il rapporto con altre persone».  La vicinanza con la Svizzera ha permesso a Sim-Patia di osservare attentamente come viene usata la musica in Ticino: «È riconosciuta come strumento riabilitativo del linguaggio: attraverso questi tre anni di Young Inclusion, dove lavoreremo con università e cliniche, vorremmo restituire a Regione Lombardia dati specifici e validanti che provino le potenzialità della musica».

Condividi su
Torna su